Johnny Depp malato di lusso finisce in tribunale

di AnnaMaria Commenta

Non gli bastano più due milioni di dollari al mese e secondo i suoi ex contabili Johnny Depp soffrirebbe di una pericola patologia legata al lusso, una specie di mania compulsiva che lo porta a spendere cifre esorbitanti e che lo sta velocemente conducendo verso la bancarotta.

E’ pesantissima l’accusa che gli rivolgono i suoi due ex contabili che lo hanno portato in tribunale affermando di essere stai licenziati da Depp quando gli hanno mostrato che i sui conti stavano pericolosamente andando in rosso. L’attore invece li accusa di averlo truffato e rubato i soldi.

> VIP, ECCO LE LORO SPESE FOLLI

Fatto sta che Joel e Robert Mandel sono sicuri di quello che dicono. Secondo loro Johnny Depp ha gravi problemi di narcisismo e conduce una vita di extra-lusso alla quale non riesce proprio a rinunciare tra yacht di lusso, vini pregiati, aerei privati, 14 residenze da sogno e perfino un castello in Francia. Se a questo aggiungiamo le spese legate a divorzio con Amber Heard, che gli è costato sette milioni di dollari a titolo di risarcimento, è facile comprendere che le preoccupazioni dei contabili forse sono motivate e nonostante durante la sua carriera Johnny Depp abbia accumulato un capitale da capogiro, potrebbe presto trovarsi con il conto in rosso e serie difficoltà economiche.

> JOHNNY DEPP, L’ATTORE PIU’ PAGATO DI HOLLYWOOD SECONDO FORBES

I contabili in tribunale hanno sostenuto che la sua è una vera patologia e che avrebbe bisogno di un medico che lo aiuti a venirne fuori. E la situazione sembra aver influenzato anche le prestazioni di Johnny Depp come attore. Sempre secondo i suoi contabili, l’attore non sarebbe più in grado di imparare a memoria i suoi copioni e sarebbe costretto ad indossare un auricolare invisibile in cui gli vengono ripetute le battute, che poi lui ripete a pappagalo. Il costo di un tale servizio è ovviamente stratosferico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>