Infiniti LE Concept: lusso a emissioni zero

di Giulia Ferri Commenta

Un’auto di lusso, pensata per una nuova generazione di acquirenti del “lusso sostenibile”, non deve giungere a compromessi per ottenere alte prestazioni.  Gli acquirenti vogliono un’auto ‘verde,’ ma non sono disposti ad accontentarsi di un’esperienza di guida inferiore a quella delle loro attuali auto di lusso. Per coloro che non hanno mai guidato una moderna auto elettrica, la risposta della coppia durante l’accelerazione è sorprendente.  Offre potenza, ma senza esagerare – sebbene la tentazione di lasciare indietro le auto sulla corsia a fianco sia sempre in agguato

Con queste parole il vicepresidente di Infiniti Americas, Ben Poore, annuncia un connubio tra auto elettrica e berlina di lusso fino a qui mai progettato.

Da sempre la casa automobilistica giapponese in seno al gruppo Nissan ci ha abituato a modelli estremamente sportivi e definito con particolari in cui il lusso e tecnologia si sposano alla perfezione, ma di qui a pensare a una motorizzazione elettrica è probabilmente una delle svolte più epocali di Infiniti. Soprattutto perchè il nuovo concept è una berlina di lusso con tutti i crismi piuttosto che un’auto elettrica con il badge Infiniti.

La carrozzeria esterna è frutto di un attento studio dell’aerodinamica pur rimaendo fedele all”impronta”, come la tipica griglia che forma un doppio arco e il montante posteriore disegnato a mezzaluna. Tutto questo si traduce in prestazioni di crociera semplicemente sorprendenti, una visibilità panoramica al di sopra dei più alti standard di sicurezza, una vivibilità degna delle più grandi berline.

Gli interni, rivestiti di tessuto di camoscio e pelle semi-anilina presentano un tocco personalizzato che s’ispira all’Eriashi la striscia che nel kimono rappresenta il colletto. Una forma avvolgente evidente e un po’ insolita che caratterizza i sedili ma che non manca di numerosi richiami sulla plancia e sui lati delle portiere interne.  Ma un’auto di lusso come questa non poteva non ovviare a una piccola defaillance che qualcuno le potrebbe attribuire visto, che di norma, le auto elettriche sono alimentate da cavi. Il sistema wireless ovvia a tutto questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>