Frette 7Rooms e la biancheria per la casa diventa di lusso

di AnnaMaria Commenta

La biancheria di lusso per la casa diventa espressione dei sette vizi capitali nel progetto Frette 7Rooms. In occasione della Design Week di Milano, Hervé Martin, amministratore delegato di Frette, ha illustrato a TgCom 24 il progetto #Frette7Rooms: sette stanze per i sette vizi capitali.

L’azienda italiana ambasciatrice nel mondo della biancheria di lusso e dello stile italiano di arredare reinterpreta i sette vizi capitali con un viaggio sensoriale all’interno di sette stanze allestite nel palazzo storico che è da sempre la sede milanese del brand.

> G8, LA BIANCHERIA DEGLI ALLOGGI DEI POTENTI BY FRETTE

Le 7 stanze sono arredate con la biancheria di casa di diversi colori e tessuti, per accompagnare i visitatori in un percorso a sorpresa, ricco di evocazioni e atmosfere intriganti. Ogni stanza corrisponde a un vizio e diventa la vetrina ideale per mostrare tutte le ultime novità nel mondo dell’home decor dei prodotti Frette, dalla biancheria per la tavola, alla biancheria da letto e per il bagno. Stanze principesche e biancheria di lusso: un mix perfetto tra design, arte e sperimentazione.

Hervé Martin, intervistato da TgCom 24 ha espresso cosa significa il concetto di lusso secondo l’interpretazione di un brand di eccellenza come Frette:

Nella mia visione personale, la parola “lusso” si compone di tre elementi essenziali: qualità superiore, bellezza ricercata e speciale, sogno inteso come realtà non immediatamente disponibile. Nella mia dimensione privata, il lusso risiede nel viaggio alla scoperta di mondi affascinanti e lontani. Sono sempre alla ricerca di uno standard qualitativo elevato, per quanto concerne sia l’ambiente naturale sia il settore dell’hospitality. Almeno una volta all’anno avverto il desiderio di evadere dalla quotidianità entrando a contatto con paesi sconosciuti e con le loro culture e tradizioni. Sono animato da una forte curiosità nei confronti di realtà diverse dalla mia e delle persone che le abitano. Ciò che mi fa sognare non è tanto l’oggetto materiale quanto la qualità dell’esperienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>